Superticket Sanitario nel 2018: gli Italiani Devono Ancora Pagarlo?

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

superticket sanitarioNegli ultimi mesi sempre più discusso è stato il tema del superticket sanitario, tranquilli nonostante il nome non si tratta di una stangata sui ticket che paghiamo. Rimane pur sempre una tassa che gli italiani paghiamo grazie alla Finanziaria del 2011, lo scopo per cui nacque il superticket era far ottenere maggiori entrate alle regioni e i risultati sono subito stati riportati sia nel 2013 che nel 2014, ma ad oggi come spesso accade in Italia questa tassa è rimasta con modalità diverse da regione a regione.

Se hai delle domande sull’argomento o vuoi condividere con noi cosa ne pensi di questo argomento scrivi sul nostro blog cliccando qui.

Entriamo ora nel dettaglio:

Superticket Sanitario: Cos’è e Come Funziona?

Il superticket è una quota fissa pari a 10 euro che come contribuente paghi alla Regione su ogni ricetta per visite specialistiche o esami di laboratorio. Tale tassa essendo oggi applicata in misure diverse da ogni regione è diventata una fonte di diseguaglianza in generale per gli italiani, per questo motivo il parlamento nella Legge di Bilancio del 2018 sta cercando di abolire tale tassa per determinate categorie di cittadini considerate deboli che analizziamo al punto 3.

Per sopperire a questo taglio il 28 Novembre del 2017 la commissione Bilancio al senato ha approvato l’emendamento che prevede la destinazione di 60 milioni di euro per 3 anni.

Superticket Sanitario: Quanto costa e in Quali Regioni?

Come detto in precedenza la Finanziaria del 2011 stabiliva che l’importo del superticket fosse di 10 euro, ma con il passare del tempo ogni regione ha modificato il pagamento in base a determinati criteri.

Ecco di seguito i parametri adotatti dalle rispettive regioni italiane per il pagamento di questa tassa:

  • Pagamento del superticket per prestazioni sanitarie in maniera completa 10 euro nel seguenti regioni: Abruzzo, Liguria, Campania, Lazio, Molise, Calabria, Puglia e Sicilia.
  • Il Pagamento del superticket non è previsto ecco in quali regioni: Valle D’Aosta, Bolzano, Basilicata e Sardegna.
  • Il supertiperticket si paga in base a reddito nelle seguenti regioni: Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Marche.
  • Il superticket si paga in base al valore della ricetta medica nelle seguenti regioni: Piemonte, Lombardia e Friuli Venezia Giulia. Anche se la regione Lombardia vuole abolirlo totalmente.
  • La provincia autonoma di Trento dal 1 giugno 2015 applica una quota del superticket pari a 3 euro.

Dopo quest’analisi sono evidenti le tante diseguaglianze tra i cittadini, ma a queste vanno aggiunte le differenze nel pagamento dei ticket per determinate prestazioni che possono variare da regione a regione.

Superticket Sanitario: Chi sarà esente?

Se verrà approvata definitivamente la nuova legge di Bilancio del 2018 prevederà la totale abolizione del ticket per determinate categorie di cittadini qualsiasi sia la loro regione di residenza.

I requisiti che dovranno avere le categorie dei contribuenti totalmente esenti sono:

  • Basso reddito Isee fino a 15000 euro anno.
  • Minorenni che frequentano la scuola dell’obbligo, età dai 0 ai 16 anni

Anche se il prossimo anno non vedremo cancellata del tutto questa tassa il taglio per le categorie più deboli è decisamente un passo in avanti per una sanità che rispetti il diritto del paziente ad essere curato.

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *