Assegno Universale Ancora Sotto Esame: Ecco Come Funzionerebbe

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Google+
Google+

Vuoi sapere cos’è l’assegno universale per figli a carico? Sei il genitore di uno o più figli e qualsiasi età abbiano sei consapevole che oggi crescerli, economicamente parlando, è sempre più difficile?

Triste a dirsi questa è la realtà dei nuclei familiari italiani, fare un figlio è ormai diventato un lusso, una gioia immensa con altrettante preoccupazioni per il loro mantenimento e la loro crescita.

Da aprile dello scorso anno probabilmente avrai iniziato a sentir parlare della proposta del Senatore Lepri del nuovo assegno universale.

Ad oggi con la legge di Bilancio del 2018 la proposta di Bonus 200,150 e 100 euro al mese per figli a carico è stata firmata da 50 Senatori del Partito Democratico, ma non è stata approvata rimane ferma in esame al Senato da aprile 2017.

Assegno Universale

In attesa di future news scopriamo:

Assegno Universale: Cos’è?

L’assegno universale sarebbe una vero e proprio stravolgimento per tutte quelle che sono oggi le agevolazioni e le detrazioni previste per famiglie e figli.

Tutte le forme di sostegno verrebbero azzerate e sostituite dal Bonus 200,150 e 100 euro, resterebbe invece invariato l’assegno per il coniuge.

Questo assegno andrebbe a modificare e rinnovare i tanto oramai conosciuti assegni familiari, sarebbe previsto per tutte quelle famiglie che hanno fiscalmente a carico almeno un figlio.

Si tratta di una nuova misura equa e certa che coinvolgerebbe ogni famiglia qualsiasi sia il lavoro svolto, tale proposta di legge delega sarebbe rivolta anche ai lavoratori autonomi e incapienti.

Tale sussidio non è ancora stato approvato, l’unica novità giunta con la legge di Bilancio del 2018 è il limite di reddito per i figli considerati a carico che è salito a 4.000 Euro.

Come Funziona l’Assegno Universale?

La nuova forma di sostegno universale prevista dalla proposta Lepri innanzi tutto accompagnerebbe le famiglie negli anni, mese dopo mese fino al compimento dei 26 anni del figlio.

Gli importi degli assegni varierebbero ovviamente in base all’età del figlio come riportato di seguito:

  • Bonus di 200€ per figlio da 0 a 3 anni
  • Bonus di 150€ per figlio dai 4 ai 18 anni
  • Bonus di 100 € per figli dai 19 ai 26 anni

Di sicuro pensare ad un simile assegno potrebbe essere incoraggiante, ma ad oggi non è possibile richiederlo perché con la legge di Bilancio l’assegno figli a carico non è stato approvato.

E’ stato invece riconfermato il bonus bebè 2018 e per saperne di più leggi l’articolo: Bonus Bebè 2018 INPS: requisiti durata ISEE importi e come richiederlo.

Qualora venisse approvata la proposta di assegno universale ci saranno dei requisiti e dei limiti di reddito da rispettare? Analizziamoli al punto 3.

A Chi Spetta Assegno Universale?

La proposta Lepri ferma al Senato stabilisce che tutte le famiglie con almeno un figlio a carico con età compresa tra 0 e 26 anni hanno diritto a tale bonus, vi sono però dei limiti in base al reddito ISEE.

Cosa si intende per limiti?

Verrebbe usata la stessa logica applicata per il Bonus Renzi degli 80 € scaglionati per redditi fino a 26.000 Euro.

Dunque spetterà in maniera completa ai redditi più bassi e verrebbe versato in maniera ridotta per i redditi che progressivamente sono più alti fino al raggiungimento di una soglia per la quale tale assegno non sarebbe previsto.

Andiamo nel dettaglio dell’assegno figlio a carico di 200, 150 e 100 Euro:

  • Reddito ISEE fino a 30.00€ assegno corrisposto interamente
  • Redditi da 30.000 a 50.000 € la quota di assegno spettante andrebbe a decrescere fino ad azzerarsi

Tale provvedimento è di sicuro volto ad aiutare e a dare un sostegno alle famiglie italiane per ogni tappa di un figlio, dall’infanzia fino all’adolescenza e ai primi anni di università.

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Google+
Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.