RUI Registro Unico degli Intermediari assicurativi e riassicurativi

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

Il RUI (Registro Unico degli Intermediari assicurativi e riassicurativi) nasce e si rende disponibile da febbraio 2007. Nel RUI sono contenuti tutti i dati relativi ai soggetti che operano nel mondo assicurativo, svolgendo l’attività di intermediazione assicurativa e riassicurativa su tutto il territorio nazionale, residenti o con sede legale in Italia. Questo registro è gestito dall’ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo).

Il RUI è stato istituito dal decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 (Codice delle Assicurazioni), in attuazione della Direttiva 2002/92/CE sull’intermediazione assicurativa, ed è disciplinato dal Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006. Questa normativa stabilisce che l’esercizio dell’attività di intermediazione è riservato solo agli iscritti nel Registro. In sostanza il RUI fornisce l’elenco completo di tutti gli operatori attivi nel mondo assicurativo, questo a tutela del consumatore che potrà verificare tramite il sito ISVAP quali sono gli intermediari, agenti o mediatori assicurativi regolarmente iscritti.

Il RUI si struttura in 5 sezioni:

  • sezione A (agenti),
  • sezione B (broker),
  • sezione C (produttori diretti di imprese di assicurazione),
  • sezione D (banche, intermediari finanziari ex art. 107 del Testo Unico Bancario, Sim e Poste italiane – Divisione servizi di bancoposta),
  • sezione E (collaboratori degli intermediari iscritti nelle sezioni A, B e D che operano al di fuori dei locali di tali intermediari).

Come previsto da regolamento non è possibile l’iscrizione contemporanea di uno stesso intermediario in più di una sezione del RUI; viene fatta eccezione ai soli intermediari iscritti alle sezioni A ed E, ma limitatamente ai soli incarichi di distribuzione dei prodotti assicurativi del ramo R.C.Auto (responsabilità civile auto)

Anche i mediatori del credito dal 2007, come gli agenti in attività finanziaria, si sono dovuti iscrivere alla sezione E del RUI. Questo perché sia mediatori che agenti, sia in fase di consulenza che di vendita dei prodotti finanziari, trattano spesso coperture assicurative correlate al finanziamento. Vedi ad esempio le coperture scoppio incendio sottoscritte dai clienti in sede di stipula di mutuo casa o le coperture assicurative rischio vita o impiego abbinate a prestiti personali, cessione del quinto di stipendio.

 

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo
Via del Quirinale, 21 – 00187 Roma

4Credit

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+
Con soli 250 euro al mese, rimborsabili in 120 rate, ottieni un importo finanziato pari ad euro 23.679,00, TAN 4,90% e TAEG 6,40%. Esempio di prestito con Cessione del Quinto dello stipendio, a tasso fisso, riferito ad un dipendente statale con 34 anni di età e 10 anni di servizio, che ha fatto richiesta on-line, la cui gestione avviene interamente online. Le condizioni riportate negli esempi possono variare in funzione dell’età del cliente, dell’anzianità di servizio, della natura giuridica del suo datore di lavoro, dell’importo richiesto, della durata del finanziamento e, per i dipendenti privati, del TFR disponibile, nonché per l’intervento di un intermediario del credito. L’importo indicato nell’esempio, si intende al lordo di tutte le spese e i costi che saranno trattenuti dall’Istituto erogante al momento della liquidazione. Offerta valida sino al 30/09/2016. Il TAEG fisso riportato nell’esempio, oltre che degli interessi pari ad € 6.320,69 è comprensivo dei seguenti costi e spese: commissioni per intermediario finanziario 681,14 €, commissioni per intermediario del credito 660,00 €, oneri erariali 16,00 €, spese per comunicazioni periodiche 22,00 €. L’importo totale che il cliente restituirà a fine ammortamento, salvo estinzione anticipata, sarà 30.000 €. Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Salvo accettazione dell’Istituto erogante. * Al fine di gestire le Sue spese in modo responsabile Le ricordiamo, prima di sottoscrivere il contratto, di valutare se le sue entrate mensili sono compatibili con la rata che dovrà pagare e di prendere visione di tutte le condizioni economiche contrattuali, facendo riferimento, per la valutazione della capacità di rimborso, allo strumento di analisi Monitorata e, per la visione delle condizioni, al documento Informazioni Europee di base sul credito al consumo (SECCI), entrambi disponibili presso la sede del mediatore del credito. Taeg massimo applicabile 18,84%. La durata del prestito può variare da 48 a 120 mesi.

4credit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*